L’estate è ormai iniziata e può essere il momento ideale per chi vuol leggere e approfondire i temi del “mondo Maker” per capire quale valore il loro know-how potrà portare alle aziende e agli artigiani tradizionali italiani.
Vi suggeriamo qui due volumi che in modo chiaro ci fanno capire affinità e differenze tra questi due mondi

Fare è innovare di Stefano Micelli

Il professore di Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, Stefano Micelli è il precursore del movimento Maker italiano. Da circa 15 anni, infatti, si occupa di trasformazioni del sistema industriale italiano e studia il design e la creatività quali fattori su cui ripensare il vantaggio competitivo delle piccole e medie imprese italiane. Dopo la Bibbia dei Maker italiani “Futuro Artigiano”, Stefano Micelli ha pubblicato “Fare è innovare. Il nuovo lavoro artigiano” che rivalorizza il lavoro artigiano, un tempo bistrattato, riportandolo a una nuova giovinezza. A livello sia nazionale sia internazionale, nel design come nelle nuove tecnologie, quella dei “maker” rappresenta un’imprevista via di uscita da una crisi economica che condannava i paesi sviluppati a un inesorabile declino manifatturiero. L’Italia è in una posizione privilegiata per intercettare creativamente questo fenomeno. Fare è innovare. Il nuovo lavoro artigiano di Stefano Micelli (ed. Il Mulino)

 

Aziende e artigiani digitali di Stefano Schiavo

Sempre dal Veneto arriva Stefano Schiavo che si interroga su cosa cercano le aziende dagli artigiani digitali per realizzare prodotti personalizzati o intelligenti e automatizzare i processi e l’impresa. E la seconda domanda è quella che ci riporta al progetto OpenMaker: come possono parlarsi Maker e Aziende per riuscire a comprendersi? Quali competenze, approcci e idee sapranno dare una nuova linfa al mondo dell’impresa? In un viaggio tra gli spazi di innovazione manifatturiera, il libro incontra imprenditori e manager, tecnici e specialisti del tema e indica una strada per far dialogare gli innovatori del saper fare, a cui la definizione di artigiani digitali sta stretta, con l’economia reale. Importante per capire quali competenze gli appassionati di tecnologia e innovazione devono sviluppare per poter pensare a un percorso professionale tutto da inventare. Maker. Cosa cercano le aziende degli artigiani digitali di Stefano Schiavo (ed. Franco Angeli)