Aperte tutte le call per Maker Faire Rome 2018

Aperte tutte le call per Maker Faire Rome 2018

Eventi

Torna Maker Faire Rome – The European Edition dal 12 al 14 ottobre 2018 alla Fiera di Roma, il più grande evento europeo sull’innovazione organizzato dalla Camera di Commercio di Roma tramite Innova Camera e giunto alla sua sesta edizione. Che progetti di Maker, Aziende e Scuole-Centri di Ricerca, potremo vedere e toccare con mano? Lo scopriremo dopo la selezione delle domande di partecipazione di chi sta aderendo alle Call aperte sino al 15 giugno.

Maker Faire Rome è l’evento in cui è possibile sperimentare la rivoluzione digitale che sta cambiando il modo in cui produciamo e il modo in cui viviamo. È il luogo ideale per aziende e innovatori che usano la nuova cultura digitale come strumento per sfidare il mercato. Una manifestazione che in pochi anni è diventata un punto di riferimento fondamentale per startupper, artigiani digitali, imprenditori con numeri in costante crescita.

I temi principali dell’edizione 2018 andranno dall’Industria Iot (Internet of Things) ed elettronica, AI (Intelligenza artificiale) e Big Data, Smart Robotics e Smart Manufacturing, Mobilità intelligente, Design, Coding, Education. Ma per capire gli attori presenti agli stand e gli argomenti oggetto di talk e laboratori, occorre attendere l’esito delle selezioni dei progetti presentati in questi giorni alle diverse call.

Call for Makers

E’ aperta la Call per Maker, appassionati di tecnologia, educatori, pensatori, inventori, ingegneri, autori, artisti, chef, artigiani, designer, agricoltori, ricercatori, startupper, tutti coloro che creano e stupiscono con la forza delle proprie idee. I Maker sono persone con un forte approccio innovativo, creano prodotti per avvicinare la nostra società a un futuro più semplice e alla portata di tutti. Si cercano progetti che spaziano dall’elettronica al cibo e agricoltura, passando per robotica e macchine fino alla salute e qualità della vita, arte, design, craft, interazione e gioco. I progetti in tema di salute e disabilità partecipano al premio Make to Care, lanciato nel 2016 dal partner Sanofi Genzyme – divisione specialty care di Sanofi – ha visto candidature crescenti negli anni (oltre 40 nel 2016 e oltre 60 nel 2017). Grazie ai progetti Optical Wheelchair, carrozzina a guida ottica, e Orion, esoscheletro riabilitativo, 4 ragazzi di soli 19 anni si sono aggiudicati l’ultima edizione, spiccando tra gli 8 finalisti selezionati dalla giuria del contest. I due progetti vincitori potranno volare in Silicon Valley per conoscere altri giovani innovatori e creare sinergie per rispondere alle esigenze di chi convive con una disabilità.

Call for Schools

La Call for Schools, nata in collaborazione con il MIUR, si prefigge di promuovere i progetti innovativi che prendono forma sui banchi di scuola ed è rivolta agli Istituti superiori nazionali e appartenenti ai Paesi dell’Unione Europea. Una giuria di esperti selezionerà le migliori idee, che verranno esposte gratuitamente in un’area dedicata alle scuole durante Maker Faire Rome 2018 che consentirà di ricevere grande visibilità di pubblico e media, molti contatti, un concreto arricchimento culturale e tanto divertimento. In questo modo verrà dato spazio alla creatività dei giovani e valorizzato l’impegno costante e la dedizione di tutti gli insegnanti che, quotidianamente, contribuiscono a esaltare doti e qualità degli alunni, attraverso iniziative, progetti e programmi didattici innovativi. Per gli Istituti selezionati, la partecipazione a MFR18 varrà come attività riconosciuta nel percorso di Alternanza Scuola Lavoro.

Call for Universities and Research Institutes

L’obiettivo della Call for Universities and Research Institutes 2018 è quello di porre i riflettori sull’innovazione, attraverso la diffusione della cultura digitale e lo sviluppo dell’imprenditorialità individuale e collettiva mettendo in mostra, a Maker Faire Rome, i migliori progetti delle Università statali e degli Istituti di Ricerca pubblici. Una giuria qualificata selezionerà le idee più innovative e tutti i lavori scelti verranno valorizzati dai vari media e posti all’attenzione di potenziali finanziatori e venture capitalist.

 

MakersTown per vivere la Città del Futuro

MakersTown per vivere la Città del Futuro

Eventi

Dopo il successo delle prime due edizioni, torna MakersTown a Bruxelles martedì 22 maggio. Oltre 2.000 Maker, Startup, Inventori, Manager, Insegnanti e Bambini danno vita a una manifestazione unica, in cui si vive di persona la Città del Futuro, la Makers Town, appunto! Tra droni e robot, elettronica dyi e digital fabrication, wearable e realtà aumentata si verrà immersi in un mondo di prototipi e novità presentate da coloro che le hanno inventate, progettate e realizzate. I Maker saranno messi in contatto con aziende e investitori per trasformare i loro progetti in realtà profittevoli e scalabili.

L’evento segue la European Makers Week ed è patrocinato dal Parlamento Europeo perchè rappresenta l’occasione di discutere in panel di alto livello le policy attuali e future del mondo Maker. MakersTown è ancora una conferenza con programma in via di definizione (vai al sito MakersTown) con referenti delle maggiori aziende tecnologiche del mondo tra cui, già confermate, LEGO Education e Tata Consulting Services. E non poteva mancare OpenMaker, naturalmente. Vi aspettiamo nella Città del Futuro, MakersTown a Bruxelles il 22 maggio.

FabLab Firenze introduce Raspberry Pi e Arduino

FabLab Firenze introduce Raspberry Pi e Arduino

Eventi

L’associazione FabLab Firenze ha organizzato due corsi introduttivi per iniziare a immergersi nel mondo dell’Internet of Thing imparando a usare due tra le schede elettroniche più utilizzate al mondo: Raspberry Pi, basata sul software Open Source Linux, e l’Open Source hardware Arduino. Attenzione: i corsi sono in partenza imminente, perciò se sei interessato iscriviti immediatamente!

Corso base Raspberry Pi

Venerdì 4 maggio parte un corso introduttivo per imparare a conoscere il Raspberry PI, il computer grande quanto una carta di credito dal costo di poche decine di euro e la potenza di uno smartphone. 4 porte USB, processore da 1.2 Ghz, scheda wireless e Bluetooth incorporata, ingresso HDMI, ingresso Ethernet: c’è chi lo ha usato per crearci consolle per videogiochi retrò, chi un piccolo robot, chi una centralina per monitorare la qualità dell’aria

Nel corso della durata di 8 ore (venerdì 4 e martedì 8, poi venerdì 11 e martedì 15 maggio dalle 19.00 alle 21.00) in Impact Hub a Firenze Rifredi, si imparerà a conoscere la scheda nelle sue funzioni essenziali, ed è anche un’ottima occasione per prendere familiarità con Linux, il Sistema Operativo Libero e Open Source. Iscriviti immediatamente seguendo questo link. Verranno affrontati i seguenti argomenti:

  • ° Introduzione al RPi
  • ° Setup (preparazione SD e primo avvio, anche senza tastiera e monitor)
  • ° Come usare Linux su RPi, ssh, vnc, rete cablata e wireless
  • ° GPIO: cos’è, come funziona e come si usa da shell e da programmazione python (librerie GPIO e pigpio)

Il docente: Francesco Leoncino

Ingegnere elettronico, dottore di ricerca, svolge attività libero professionale dal 1990. La sua attività di sviluppa su numerosi campi quali: progettazione, analisi, sistemi, formazione, sicurezza, consulenza aziendale, consulenza forense, per aziende private e pubbliche come: CNR, Università di Firenze, Ferrovie dello Stato, Banche di Credito Cooperativo ecc. Utilizza Internet e Linux fin dal secolo scorso, convinto sostenitore dell’Open Source. Francesco è tra i fondatori di CoderDojo Firenze e fa parte di FabLab Firenze da quattro anni.

Corso base di Arduino

Un week-end, quello di sabato 19 e domenica 20 maggio, per prendere confidenza con Arduino, il micro-controllore Open Source che ha rivoluzionato il mondo dell’elettronica e del fai-da-te tecnologico, diventando un emblema del movimento Maker. Il materiale didattico (schede, led, resistenze, breadbord etc.) verrà fornito dagli organizzatori mentre i discenti devono presentarsi muniti di PC portatile, e al termine del corso sarà possibile – volendo – acquistare il kit. Il prezzo di 100€ include il tesseramento annuale al FabLab Firenze (costerebbe 30€), con possibilità di seguire le attività dell’associazione. Iscriviti subito seguendo questo link.

Il docente Vincenzo Motta

Vincenzo Motta, classe 1989, catanese DOC. Ha conseguito la laurea triennale in Ingegneria Elettronica e la Magistrale in Automation Engineering and Control of Complex Systems all’Università di Catania. Si è occupato di progettazione e sviluppo di applicazioni robotiche, sviluppo firmware per microcontrollori STM32 presso il SystemsLab  di STMicroelectronics, Sviluppo di algoritmi per sistemi inerziali STMicroelectronics su applicazioni di robotica mobile presso il CNRS LAB –Plymouth University in collaborazione con STMicroelectronics per il progetto Robot-ERA.
Attualmente è OEM Solution Application Engineer presso Schneider Electric. Ha tenuto svariati corsi di Arduino all’Hackspace di Catania.

Se hai segnato le date in calendario, procedi a iscriverti quanto prima. Ti ricordiamo i link per iscriverti:

E passaparola agli amici che ritieni interessati: i corsi stanno per iniziare!

ANT lancia Sprint4ideas a favore dei malati di tumore

ANT lancia Sprint4ideas a favore dei malati di tumore

Eventi

E’ attiva fino al 30 giugno 2018 la call Sprint 4 Ideas, lanciata per il quarantesimo anniversario della Fondazione ANT onlus finalizzata a cercare delle soluzioni ad alto contenuto innovativo per alleviare i dolori e semplificare la vita dei malati di tumore. Il premio consiste in 50.000€ per realizzare l’idea. Qui le informazioni e il bando per partecipare: Sprint4Ideas

Cos’è Sprint4Ideas

In occasione del quarantesimo anniversario Fondazione ANT lancia “Sprint4Ideas”, una competizione finalizzata a trovare soluzioni ad alto contenuto innovativo per migliorare il modello assistenziale ANT che dal 1978 si occupa di portare cure specialistiche gratuite a casa dei malati di tumore. Una commissione di valutazione destinerà un contributo di 50.000 euro al primo classificato per la realizzazione del progetto.

L’obiettivo è trovare risposte ai bisogni concreti di pazienti oncologici assistiti a domicilio, delle loro famiglie e dello staff socio-sanitario proponendo medical devices, software, presidi sanitari innovativi, progetti di virtual reality, innovazione di processo e sistemi di supporto ai caregiver.

La call, sostenuta da Emil Banca, Igea Medical e Vivisol, apre il 18 aprile ed è rivolta a maker, innovatori, startup già avviate, piccole e medie imprese, laboratori di ricerca industriale e reti d’impresa costituite in grado di cogliere un bisogno concreto legato alla quotidianità dei pazienti, dei loro familiari o di chi li assiste. Una commissione di valutazione selezionerà cinque finalisti che risponderanno alla chiamata e, sulla base di diversi criteri, deciderà come destinare i contributi economici disponibili. Grazie alla collaborazione con Réseau Entreprendre Italia, fino ad un massimo di tre neoimprese finaliste parteciperanno ad un percorso di accompagnamento offerto dalla stessa Réseau Entreprendre Italia (www.reseau-entreprendre.org) attraverso la propria rete di associazioni territoriali.

Commissione di valutazione dei progetti

I progetti saranno valutati da una commissione composta da Matteo Cadossi, MD PhD vicepresidente Igea Medical, Lorenzo Chiari, professore ordinario del Dipartimento di Ingegneria dell’energia elettrica e dell’informazione “Guglielmo Marconi” dell’Università di Bologna, Chiara Gibertoni, direttore generale dell’AUSL di Bologna, Claudio Petronio AD di Vivisol – membro del gruppo consiliare dell’associazione servizi e telemedicina di Assobiomedica, Jacopo Tamanti, responsabile sanitario dell’assistenza domiciliare ANT, Aldo Tomasi Professore ordinario MD PhD Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia– responsabile scientifico laboratorio TOP tossicologia e proteonica, Elisabetta Toschi, mechatronics and motoristics strategic development ASTER, Silvia Varani, responsabile nazionale U.O. Formazione e Aggiornamento Scientifico ANT e un rappresentante di Associazione Réseau Entreprendre Italia.

Aperte due nuove Call per makers

Aperte due nuove Call per makers

Eventi

Due nuove sfide per incentivare e promuovere la collaborazione tra makers e aziende in Europa

In questo caso l’opportunità prende vita grazie ad OpenMaker Slovacchia e dalla partnership costruita con due multinazionali che operano nel Paese: l’azienda del settore automobilistico Volkswagen e la società del settore food Mondelez. Entrambe sono alla ricerca di soluzioni 4.0 per migliorare il proprio sistema produttivo e hanno scelto la community OpenMaker come canale privilegiato per la raccolta di proposte. Nello specifico:
> Volkswagen chiede l’intervento di makers per localizzare gli oggetti in una fabbrica con una precisione di 0,5 metri;
> Mondelez si aspetta soluzioni per automatizzare lo scarico e il trattamento del materiale fondente in modo da ridurre al minimo l’intervento umano.

Per approfondire:
Le challenges sono consultabili nel dettaglio da tutti i membri e gli iscritti alla piattaforma OpenMaker http://explorer.openmaker.eu/. Se non sei ancora iscritto alla piattaforma, questa è l’occasione giusta per farlo e invitare altri amici e colleghi. Cosa aspetti?

Business Clinic Industria 4.0 con Impact Hub e FabLab Firenze

Business Clinic Industria 4.0 con Impact Hub e FabLab Firenze

Eventi

Giovedì 19 aprile si terrà la Business Clinic tematica Industria 4.0 organizzata in collaborazione con Impact Hub Firenze e FabLab Firenze in cui i Mentor, Hubber esperti a vario titolo e in diversi ambiti sul tema, si presenteranno e introdurranno con brevi ‘pillole’ le informazioni che saranno poi approfonditi nelle consulenze. L’accesso alla sessione plenaria prevista dalle 16.00 alle 17.00 è gratuito ma occorre iscriversi (a questo link: BCindustria4.0).

A seguire, dalle 17.00 alle 19.00, potrai prenotare come fino a quattro sessioni di consulenza personalizzata di mezz’ora con i Mentor (qui trovi profili e specialità professionali dei Mentor coinvolti) scrivendo a:  laura.debenedetto@impacthub.net.

Pillole in plenaria su Industria 4.0

Assistere alla plenaria, organizzata in collaborazione con Impact Hub Firenze e con l’associazione FabLab Firenze, darà modo di presentare ‘pillole’ dei seguenti temi insieme a casi reali da parte di:

  • I finanziamenti agevolati per investimenti in Industria 4.0 a cura di Alessandro Calamai esperto in Bandi e Finanza Agevolata
  • I bonus fiscali per investimenti in Industria 4.0: iperammortamento e credito d’imposta per la formazione 4.0 a cura della commercialista Elisa Baracchi 
  • L’associazione FabLab Firenze come catalizzatore di innovazione sul territorio a cura di Matteo Mazzoni, Presidente FabLab Firenze
  • Aziende e Maker per innovare processi e prodotti a cura di Dario Marmo dell’agenzia LAMA e coordinatore del progetto europeo Horizon2020 OpenMaker
  • L’approccio organizzativo che favorisce l’innovazione a cura di Corrado Taviani Managing Director di Excenter
  • L’Industrial Internet of Things per applicazioni aziendali a cura di Matteo Piccini CEO di PI and BI Srl

Consulenza personalizzata gratuita su prenotazione

Sei un’impresa o un professionista della zona e hai bisogno di mezz’ora di consulenza personalizzata gratuita sui temi relativi all’Industria 4.0, alla Digital Manufacturing, all’Internet of Things o, più in generale, sui temi di competenza dei Business Maker disponibili? Prenota il tuo slot di consulenza gratuita coi (massimo 4) Mentor più adatti, mandando una mail a laura.debenedetto@impacthub.net in cui indicherai i motivi della richiesta spiegando brevemente di cosa ti occupi e/o si occupa la tua azienda e che cosa ti aspetti dalla mezz’ora di consulenza gratuita

OpenMaker con FabLab Firenze ti aspettano nello Spazio Eventi di Impact Hub a Firenze Rifredi giovedì 19 aprile alle 16.00: iscriviti subito e passaparola da questo link: BCindustria4.0